24.11.10

Creep (click*)

Upon reflection di EricForFriends
http://ericforfriends.deviantart.com/#/d33cvan
Arrivo sempre troppo tardi sulle cose. Mi accorgo di averle avute appena mi sono sfuggite dalle mani. Resta solo un riflesso nella memoria, insieme alla sensazione di non vivere la vita che mi appartiene. 


“Non pensare che una persona abbia tanta forza da condurre una "specie" di vita e continuare a essere la stessa. Perfino tagliare i propri difetti può essere pericoloso, non si sa mai quale sia il difetto che sorregge il nostro edificio intero…
Hai mai visto come un toro castrato si trasforma in un bue? Lo stesso si può dire di me… e mi pesa il duro confronto… Ascolta: rispetta anche ciò che c’è di cattivo in te — per amor di Dio, non volere fare di te una persona perfetta ...
Mi piacerebbe perfino che, a mia insaputa, tu mi vedessi e assistessi alla mia vita. Io sarei una lezione per me stessa. Vedere cosa può succedere quando si patteggia con la comodità d’anima."

 
Questa lettera scritta da Clarice Lispector nel 1947 è rimasta inedita fino a quando il famoso scrittore brasiliano Caio Fernando Abreu l’ha pubblicata nella sua rubrica sul supplemento letterario di un quotidiano di San Paolo, il 25 luglio 1994.

Traduzione di Adelina Aletti - riprodotta integralmente qui (http://guide.supereva.it/letteratura_sudamericana/interventi/2005/02/196777.shtml) per gentile concessione di Julio Monteiro Martins, direttore della rivista on-line Sagarana.

4 commenti:

  1. Grazie S.
    Oggi avevo proprio bisogno di un testo così (e mi sa che lo ruberò...)
    Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Bentrovata!
    un abbraccio anche da me

    RispondiElimina
  3. It's a beautiful blog post, and I'm proud to see my picture in this combination Serena! (EricForFriends)

    RispondiElimina
  4. you make me blush, Erik. Thanks again for your fantastic shot.

    RispondiElimina